L’Autorità mette in consultazione misure per individuare la metodologia per definire gli ambiti di servizio pubblico e le modalità più efficienti di finanziamento – Il 7 settembre audizione pubblica presso la sede ART di Torino

Comunicato stampa n. 16/2016

29 luglio 2016

  • Il 7 settembre audizione pubblica presso la sede ART di Torino

Il Consiglio dell’Autorità di regolazione dei trasporti ha deliberato l’avvio di una consultazione pubblica su uno schema di atto di regolazione contenente la “definizione della metodologia per l’individuazione degli ambiti di servizio pubblico e delle modalità più efficienti di finanziamento”, ai sensi dell’articolo 37, comma 3, lettera a), del decreto-legge n. 201/2011 e dell’articolo 37, comma 1, del decreto-legge n. 1/2012.

La metodologia che sarà individuata all’esito della consultazione riguarderà sia il settore ferroviario che le altre modalità di trasporto. L’atto di regolazione dell’Autorità si applica, altresì, alla definizione delle modalità più efficienti di finanziamento degli ambiti di servizio pubblico.

Sul testo messo in consultazione, il 7 settembre 2016 si terrà un’audizione pubblica con i soggetti che manifesteranno il proprio interesse e che potranno comunque formulare osservazioni e proposte entro il 21 settembre 2016. Con particolare riferimento agli ambiti di servizio pubblico nel settore ferroviario, l’Autorità avvierà una specifica consultazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con le Regioni e le Province Autonome.

Attraverso la consultazione, l’Autorità intende acquisire le osservazioni dei soggetti interessati su aspetti quali:

  • definizioni e ambito oggettivo e soggettivo di applicazione delle misure
  • criteri per l’individuazione della domanda debole
  • domanda di mobilità potenziale, scelta della modalità di trasporto e obblighi di servizio pubblico
  • metodologia per la copertura finanziaria degli obblighi di servizio pubblico
  • criteri e principi per la scelta delle modalità di servizi atte a soddisfare la domanda debole
  • modalità di determinazione delle tariffe, condizioni minime di qualità del servizio e diritti dei passeggeri
  • criteri di identificazione dei lotti di gara per i servizi regionali e locali.