Aeroporto di Trieste: l’Autorità dei trasporti delibera la conformità della proposta di revisione dei diritti aeroportuali proposta da AFVG S.p.A.

Comunicato stampa n. 12/2016

20 giugno 2016

Il Consiglio dell’Autorità di regolazione dei trasporti (ART), con riferimento alla proposta definitiva di revisione dei diritti aeroportuali, presentata a seguito della consultazione dalla Società Aeroporto Friuli Venezia Giulia S.p.A. (di seguito: AFVG), affidataria in concessione della gestione dell’aeroporto civile “Pietro Savorgnan di Brazzà” di Trieste – Ronchi dei Legionari, ne ha deliberato la conformità al Modello tariffario di riferimento.

L’Autorità di regolazione dei trasporti, nel deliberare tale conformità, ha prescritto alla Società di gestione AFVG di apportare alcuni correttivi alla revisione dei diritti, sui quali l’ART eserciterà i propri poteri di vigilanza.

L’inottemperanza alle prescrizioni è sanzionabile da parte dell’Autorità ai sensi del decreto legge n. 201/2011. L’ART provvederà ad effettuare le verifiche di competenza sulla corretta applicazione da parte dei soggetti interessati dei criteri fissati, secondo quanto previsto dall’articolo 37 del citato decreto legge n. 201.


Attualmente le procedure di revisione dei diritti aeroportuali concluse sono undici:

  1. Bologna
  2. Cagliari
  3. Catania
  4. Firenze
  5. Genova
  6. Napoli
  7. Olbia
  8. Palermo
  9. Pisa
  10. Torino
  11. Trieste

In media tali revisioni sono state realizzate in un tempo record di soli 95 giorni, grazie al nuovo modello regolatorio dell’ART che prevede la determinazione negoziata dei diritti aeroportuali tra gestori e vettori e la conclusione di accordi sui livelli di servizio («Service Level Agreement»).

Questo risultato dimostra la validità e l’efficacia di tali Modelli di regolazione ART, conformi a quanto stabilito dalla Direttiva europea 2009/12/CE, e tali da consentire ai gestori di operare in un quadro regolatorio certo nei tempi e nelle procedure, con significativi miglioramenti nella pianificazione finanziaria degli investimenti finalizzati alla realizzazione di nuovi progetti di sviluppo industriale.