Rapporto annuale 2016

Il terzo Rapporto dell’Autorità di regolazione dei trasporti è presentato al Parlamento a poco più di due anni dalla sua entrata in operatività, avvenuta il 15 gennaio 2014, e a distanza di un anno dal precedente, che conteneva informazioni aggiornate al 30 giugno 2015.

Il Rapporto è presentato ai sensi dell’art. 37 comma 5 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, istitutivo della Autorità. Esso è presentato, inoltre, ai sensi delle disposizioni di esecuzione della disciplina europea in materia di tutela dei diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario, effettuato con autobus, per mare e vie navigabili interne di cui, rispettivamente, ai decreti legislativi 17 aprile 2014, n. 70, 4 novembre 2014, n. 169 e 29 luglio 2015, n. 129. Tali ultimi provvedimenti attribuiscono all’Autorità le funzioni di Organismo responsabile della vigilanza e della esecuzione dei diritti dei passeggeri che utilizzano le relative modalità di trasporto e prescrivono che essa riferisca annualmente al Parlamento sulle attività svolte nell’ambito del presente Rapporto. Il Rapporto illustra, altresì, le attività dell’Autorità in relazione a quanto previsto dall’art. 37 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1 sul tema della efficienza dei diversi gradi di separazione tra imprese ferroviarie e gestore dell’infrastruttura.

Il Rapporto si articola in tre sezioni aventi ad oggetto: la prima, i dati economici inerenti alle diverse modalità di trasporto e relativi servizi ed infrastrutture, la seconda, le attività svolte dall’Autorità, la terza un elenco dei principali provvedimenti adottati.

I dati economici sono in parte elaborati dall’Autorità su fonti proprie. Ne consegue, fra l’altro, che i periodi di riferimento variano a seconda della disponibilità delle relative fonti e non sono sempre confrontabili. In ogni caso, i dati riportati sono relativi ad anni solari e, ove possibile, si estendono al 31 dicembre 2015.

La sezione del Rapporto relativa alle attività svolte dall’Autorità riguarda il periodo 1 luglio 2015 – 31 maggio 2016, mentre la terza propone un elenco delle principali decisioni adottate dall’Autorità dalla data di entrata in operatività.

Video della relazione del Presidente Camanzi al Parlamento