Rapporto annuale 2015

Il secondo Rapporto Annuale dell’Autorità di regolazione dei trasporti è presentato al Parlamento a diciotto mesi dalla sua entrata in operatività, avvenuta il 15 gennaio 2014, e a distanza di un anno esatto dal precedente, contenente informazioni aggiornate al 30 giugno 2014.

Il Rapporto è presentato ai sensi dell’art. 37 comma 5 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, istitutivo della Autorità. Esso è presentato, inoltre, ai sensi delle disposizioni di esecuzione della disciplina europea in materia di tutela dei diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario ed effettuato con autobus di cui, rispettivamente, al decreto legislativo 17 aprile 2014, n. 70 ed al decreto legislativo 4 novembre 2014, n. 169. Entrambi i provvedimenti attribuiscono all’Autorità le funzioni di Organismo responsabile del controllo sui diritti degli utenti e prescrivono l’obbligo che essa riferisca annualmente al Parlamento sulle attività svolte nell’ambito del presente Rapporto.

Il Rapporto illustra, altresì, le attività che l’Autorità ha in corso in vista della predisposizione della relazione a Governo e Parlamento di cui all’art. 37 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1 sul tema della efficienza dei diversi gradi di separazione tra imprese ferroviarie ed impresa che gestisce la relativa infrastruttura.

Il Rapporto si articola in tre sezioni aventi ad oggetto, la prima, i dati economici inerenti le diverse modalità di trasporto e relativi servizi ed infrastrutture, la seconda, le attività svolte dall’Autorità, e la terza un elenco dei principali provvedimenti adottati.

I dati economici sono solo parzialmente elaborati dall’Autorità su fonti proprie. Ne consegue, fra l’altro, che i periodi di riferimento variano a seconda della disponibilità delle relative fonti e non sono sempre confrontabili. In ogni caso, i dati riportati sono relativi ad anni solari e, ove possibile, si estendono al 31 dicembre 2014.

Le parti del Rapporto relative alle attività svolte dall’Autorità e l’elenco dei provvedimenti adottati riguardano, invece, il periodo 1 luglio 2014 – 30 giugno 2015.

Video della relazione del Presidente Camanzi al Parlamento