Atto di segnalazione ART sulla tutela dei diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario, nel trasporto via mare e per vie navigabili interne e nel trasporto effettuato con autobus: disciplina sanzionatoria

17 ottobre 2018

L’Autorità, in data 17 ottobre 2018, ha approvato l’Atto di segnalazione, inviato al Parlamento e al Governo, “Tutela dei diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario, nel trasporto via mare e per vie navigabili interne e nel trasporto effettuato con autobus: disciplina sanzionatoria”.

Con tale atto tra l’altro l’Autorità, in merito all’istituto del pagamento in misura ridotta delle sanzioni di cui all’articolo 16 della legge 689/1981, ha osservato che “pur essendo nel complesso apprezzabili i benefici dell’istituto in termini di efficienza dell’azione amministrativa, tuttavia, ad avviso dell’Autorità la possibilità di ricorrere al pagamento in misura ridotta anche in caso di reiterazione della medesima violazione da parte dello stesso operatore (in tal senso, articolo 8-bis, comma 5, l. 689/1981) pregiudica l’effettività, la proporzionalità e la dissuasività del sistema di enforcement dei diritti dei passeggeri. L’Autorità ritiene, quindi, del tutto incompatibile il ricorso all’istituto in caso di reiterazione delle medesime violazioni in materia di diritti degli utenti. Ebbene, al fine di rendere esplicita, in favore di utenti e operatori economici, tale incompatibilità, già ricavabile dal sistema normativo, risulta opportuno prevedere una deroga espressa alla possibilità di ricorrere al pagamento delle sanzioni in misura ridotta in caso di reiterazione”.


Atto di segnalazione ART sulla tutela dei diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario, nel trasporto via mare e per vie navigabili interne e nel trasporto effettuato con autobus: disciplina sanzionatoria

05/12/2018

L’Autorità, in data 17 ottobre 2018, ha approvato l’Atto di segnalazione, inviato al Parlamento e al Governo, “Tutela dei diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario, nel trasporto via mare e per vie navigabili interne e nel trasporto effettuato con autobus: disciplina sanzionatoria”.

Con tale atto tra l’altro l’Autorità, in merito all’istituto del pagamento in misura ridotta delle sanzioni di cui all’articolo 16 della legge 689/1981, ha osservato che “pur essendo nel complesso apprezzabili i benefici dell’istituto in termini di efficienza dell’azione amministrativa, tuttavia, ad avviso dell’Autorità la possibilità di ricorrere al pagamento in misura ridotta anche in caso di reiterazione della medesima violazione da parte dello stesso operatore (in tal senso, articolo 8-bis, comma 5, l. 689/1981) pregiudica l’effettività, la proporzionalità e la dissuasività del sistema di enforcement dei diritti dei passeggeri. L’Autorità ritiene, quindi, del tutto incompatibile il ricorso all’istituto in caso di reiterazione delle medesime violazioni in materia di diritti degli utenti. Ebbene, al fine di rendere esplicita, in favore di utenti e operatori economici, tale incompatibilità, già ricavabile dal sistema normativo, risulta opportuno prevedere una deroga espressa alla possibilità di ricorrere al pagamento delle sanzioni in misura ridotta in caso di reiterazione”.